Telefono +39 091 6377907
Orari di lavoro Lun - Ven 9:00 - 18:00

Scegliere l’estintore giusto: estintori a schiuma

estintore a schiuma

Scegliere l’estintore giusto: estintori a schiuma

La scelta dell’estintore adatto dipende dalla sua capacità estinguente e alla classe di fuoco. Per esempio, quando parliamo di classe B, si fa riferimento a quei fuochi generati da materiali quali alcool, solventi, oli minerali, benzine.
Come scegliere l’estintore giusto?

Nel caso di un fuoco di classe B, il metodo migliore è l’utilizzo degli estintori a schiuma, soprattutto se la superficie da trattare è vasta.

Quali sono le sue caratteristiche? Un estintore a schiuma è in grado di galleggiare, formare un film protettivo e separare, infine, combustibile e comburente. Opera in diversi modi: dal soffocamento alla diluizione e raffreddamento, fino al blocco dei vapori.

Facilmente reperibili e di semplice utilizzo, gli estintori a schiuma risultano efficienti grazie alla capacità del liquido di avere un’azione superficiale (se parliamo di bassa e media espansione), e un’azione di maggior potere di saturazione dell’intero spazio (alta espansione).

Caratteristica degli estintori a schiuma è la fluidità: il liquido scorre bene sulle superfici liquide o solide riuscendo a raggiungere tutti gli ambienti non accessibili direttamente dal getto. La stabilità al drenaggio, al calore e alle rotture meccaniche del manto, è un altro vantaggio da non sottovalutare nella scelta dell’estintore giusto.

La migliore efficacia si ottiene con un getto diretto del dispositivo verso la parete verticale più vicina alle fiamme, in modo che la schiuma coli sul liquido infiammato.

Nella scelta dell’estintore vanno considerate una serie di fattori ed elementi, come la zona da trattare, la classe di fuoco, l’agente estinguente. L’estintore a schiuma è consigliato per i grandi spazi e per assicurare una maggiore rapidità.