Telefono +39 091 6377907
Orari di lavoro Lun - Ven 9:00 - 18:00

Prevenzione antincendio: quali sono gli obblighi dell’amministratore

antincendio

Prevenzione antincendio: quali sono gli obblighi dell’amministratore

In un condominio è compito dell’amministratore adottare misure di sicurezza antincendio e mantenere in efficienza le attività, i sistemi e i dispositivi, come le porte tagliafuoco, ai fini della prevenzione antincendio.

Il ruolo dell’amministratore è quello di richiedere il rilascio del certificato di prevenzione incendi e provvedere al suo rinnovo prima della scadenza. L’amministratore deve effettuare le necessarie e obbligatorie verifiche di controllo e gli interventi di manutenzione coerentemente alla regolamentazione vigente.

Altro compito della figura che amministra il condominio è quella di mantenere aggiornato e rendere disponibile un registro dei controlli.

Ma cosa si intende per misure di sicurezza antincendio? Si fa riferimento a quella funzione di interesse pubblico volta a garantire la sicurezza e l’incolumità delle persone e la tutela dell’ambiente mediante il rispetto di norme, provvedimento e l’utilizzo di attrezzature che evitano l’insorgere di incendi.

A questo proposito le porte tagliafuoco nei condomini sono dispositivi utili data la loro elevata resistenza al fuoco. Hanno la capacità di isolare le fiamme in caso di incendio e sono usate come sistema per ridurre la diffusione di fiamme e fumo, nonché per assicurare un’uscita sicura da un edificio. Le porte tagliafuoco possono essere realizzate in diversi materiali come legno, acciaio, gesso, sezioni di vetro. Questo dispositivo deve essere presente dove le caratteristiche costruttive descritte dalle norme lo impongano.

Anche in questo caso, è compito dell’amministratore assicurarsi della loro installazione e che siano installate correttamente: in ogni caso è bene assicurarsi che il movimento della porta non sia bloccato da un chiudiporta o altro ostacolo.

L’amministratore di condominio, inoltre, deve programmare le ispezioni periodiche. Esistono specifici piani di ispezione della resistenza antifuoco e dell’assemblaggio dell’intelaiatura. In merito alla spesa per l’installazione della porta tagliafuoco, in caso di in assenza di un accordo tra tutti i condomini, questa deve essere ripartita secondo i millesimi di proprietà.