Telefono +39 091 6377907
Orari di lavoro Lun - Ven 9:00 - 18:00

Come scegliere gli occhiali antinfortunistici e di protezione corretti

occhiali infortunistici

Come scegliere gli occhiali antinfortunistici e di protezione corretti

Diversi sono gli ambiti lavorativi in cui l’uso degli occhiali infortunistici e di protezione si rende necessario e imprescindibile.

Dal settore metalmeccanico a quello chimico, per esempio, in cui i lavori di saldatura e il contatto con sostanze pericolose o radiazioni luminose sono praticamente all’ordine del giorno, proteggere gli occhi con gli occhiali antinfortunistici diventa indispensabile.

Tra i rischi da cui tutelarsi vi sono i rischi ottici, derivanti da sorgenti radioattive che potrebbero lesionare gli occhi; i rischi termici, provocati dal freddo che potrebbe innescare una lacrimazione intensa e protratta oppure dal calore, che potrebbe infiammare gli occhi o addirittura ustionarli; i rischi meccanici e quelli chimici, derivati da polveri, particelle metalliche e soluzioni chimiche che penetrando nell’occhio potrebbero corrodere la retina danneggiando la vista.

Quali sono, quindi, i modelli di occhiali antinfortunistici più giusti da indossare per salvaguardare in modo corretto ed efficace i delicati bulbi oculari?

Partiamo dal materiale. Le lenti degli occhiali di protezione sono prodotte nella maggior parte dei casi in policarbonato, che grazie alle sue qualità di trasparenza permette all’occhio umano una visione molto nitida. Estremamente permeabili alla luce, le lenti in policarbonato presentano inoltre elevate proprietà di durezza, tenacia, resistenza termica e resistenza meccanica.

Per attività che presentano livelli minimi di rischio e il cui svolgimento non è costante, è sufficiente indossare occhiali infortunistici generici.

Per lavori di taglio ossidrico e saldatura ossiacetilenica, invece, si consiglia di indossare occhiali da saldatura con apposita protezione laterale.

In caso di esposizione a elevati livelli di emissioni radioattive, quindi, si raccomanda l’utilizzo di maschere a schermatura integrale del viso.

In ambienti di lavoro umidi o soggetti a sbalzi di temperatura possono essere molto utili delle lenti antiappannanti, soprattutto per chi indossa già degli occhiali da vista. In quest’ultimo caso, poi, si consiglia di scegliere occhiali di protezione con montature completamente chiuse e areate in PVC, raccomandate anche quando si lavora a contatto con sostanze chimiche che potrebbero schizzare sugli occhi.